Programmatori: quali caratteristiche dovrebbero avere?

Programmatori: quali caratteristiche dovrebbero avere?

Nell’ultimo articolo “perché è così difficile trovare programmatori?” abbiamo capito quanto, per le aziende, sia oggi una sfida trovare professionisti in Italia in grado di ricoprire posizioni da sviluppatori.

Ma nel momento in cui iniziamo la ricerca, quali caratteristiche dovrebbero avere?

Il fatto che la maggior parte del lavoro di un programmatore sia svolto davanti a uno schermo rende il processo di assunzione sicuramente più complicato. Ci sono però alcune domande e approfondimenti sulle caratteristiche personali dei candidati che noi di Ad Hoc Minds utilizziamo per trovare i profili richiesti dalle nostre aziende partner. Oggi ve ne sveliamo alcuni.

Voglia di imparare

Certe tecnologie sono in continua evoluzione e le skill che oggi valutiamo positivamente in un candidato probabilmente saranno superate nel giro di pochi anni. Per questo sul podio delle “caratteristiche più importanti per un programmatore” mettiamo sicuramente la voglia di imparare. 

È importante per le aziende individuare candidati non solo capaci, ma anche propensi a seguire le ultime tendenze e desiderosi di partecipare a qualsiasi opportunità di formazione disponibile.

Esempio di domanda durante un colloquio: cosa fai per mantenere aggiornate le tue capacità di programmazione?

Capacità di problem solving

Altra dote da non sottovalutare è la tenacia e la capacità di trovare soluzioni creative ed efficaci di fronte a qualsiasi tipo di criticità. Un buon programmatore davanti a un problema dovrebbe trovare sempre un modo per far funzionare le cose (o almeno dovrebbe volerci provare, prima di arrendersi), nonostante le probabilità a suo svantaggio. Altrimenti il rischio è sentirsi dire la frase “Non si può fare” ogni volta che il manager propone un nuovo progetto.

Esempio di domanda durante un colloquio: come risolveresti questo problema?

Abilità tecniche

Al terzo posto, ma ovviamente essenziale e quasi da dare per scontate, le abilità tecniche commisurate al livello di difficoltà e competenze previste per la posizione che vogliamo ricoprire. Un errore commesso spesso da molti responsabili delle assunzioni è richiedere un elenco di competenze tecniche, magari ricevute direttamente dall’azienda, e non guardare invece anche il quadro generale. 

Ad esempio, un programmatore che ha lavorato principalmente con un linguaggio più vecchio di quello richiesto, ma che ha recentemente aggiunto un nuovo linguaggio alle sue certificazioni, potrebbe essere la soluzione perfetta per quello che stiamo cercando. I suoi anni di esperienza gli daranno sicuramente un’ottima base per avanzare anche in altre aree della programmazione.

Esempio di domanda durante un colloquio: che esperienza hai sui diversi linguaggi di programmazione?

Mago dei debug

La creazione del codice è solo una parte del lavoro di un programmatore. Quando il software non funziona come previsto, ci si aspetta che un programmatore arrivi alla radice del problema in modo rapido ed efficace. Invece di apportare modifiche per ore e alla cieca, un buon programmatore insomma indaga attentamente il codice e ricerca i possibili problemi fin quando non trova una risposta.

Esempio di domanda durante un colloquio: come gestisci i bug? (successivamente, potrebbero chiederti di provare a eseguire il debug del codice)

Attenzione ai dettagli

Fare le cose “quasi giuste” per un programmatore vuol dire fallire, anche se ci sei andato vicino.
Dimenticarsi una parola del codice o di testare una pagina, può voler dire dover rivedere tutto il progetto o non vederlo affatto online. L’attenzione ai dettagli è un’altra prerogativa essenziale.

Memoria di ferro

Infine, dopo anni di esperienza sul campo, possiamo anche dire che un buon programmatore dovrebbe avere una memoria eccellente. Questo gli permette di manipolare più dati ed elementi contemporaneamente e ricordare quello che ha scritto un mese prima.

Ad esempio, se ti ricordi tutto quello che abbiamo scritto in questo articolo, sei già a buon punto! 

E se ti riconosci anche in tutti i requisiti scritti sopra, probabilmente ti stiamo cercando. Inviaci il tuo cv a info@adhocminds.com

08/05/2022

Articoli correlati

DevOps: l’evoluzione da Agile a DevX

DevOps: l’evoluzione da Agile a DevX

In questa puntata vedremo un approccio teorico su come si può spingere di più in azienda con i team cross e come “Dev(Ops|X)” può aiutare ad alleggerire il carico del programmatore portando codice di valore!